Riempiamo di Gioia Roma, firma il Manifesto degli Artisti di Strada

Pubblicato da Italo il

Roma è più bella e gioiosa con gli artisti di strada.

Puoi incontrarli improvvisamente, in modo del tutto inaspettato, in ogni angolo di Roma, chi con i trampoli, chi con il fuoco, chi con le bolle di sapone, chi con la sua musica, chi con le marionette… Trasformano la nostra città in un teatro a cielo aperto, e donano a tutti un sorriso e un intrattenimento che è sempre allegro ma mai banale, perché dietro quello spettacolo estemporaneo c’è un lungo lavoro di preparazione, esercizio e professionalità.
In più gli artisti di strada sono appunto in strada, condividono tutto con tutti, sono vicini ai bambini, come alle mamme e ai papà, e ai turisti di passaggio venuti per ammirare la nostra Roma, città d’arte.
Se Roma perdesse gli artisti di strada diventerebbe orfana della sua più grande bellezza!

Eppure la loro vita non è mai stata facile, complice anche il cattivo rapporto che la politica locale ha con loro, che forse contano poco come voti, ma contano molto per il cuore dei cittadini.
Solo nel 2000, quando era sindaco Francesco Rutelli, ci fu un positivo approccio dell’amministrazione capitolina alla realtà degli artisti di strada romani, con il varo di una delibera innovativa che fu presentata in Campidoglio da Dario Fo.
Poi passarono gli anni e con l’arrivo del sindaco Alemanno si “pensò bene” che la precedente delibera dovesse essere adeguata alle politiche culturali della nuova giunta. Fu così cambiato il regolamento dell’arte di strada in modo senza dubbio peggiorativo, e da allora in poi cominciò un lento calvario per gli artisti di strada operanti a Roma.
Arrivando ai giorni nostri, da Ottobre fino ad ora, la situazione si è andata ancor più peggiorando con multe, sequestri di strumenti e amplificazioni, e anche in alcuni casi denunce per disturbo alla quiete pubblica.
Gli artisti di strada però sono altro, e per questo lanciano un loro MANIFESTO CULTURALE con le proposte concrete perché la loro arte possa contribuire al rilancio culturale della città, e non trattata solo come un problema di ordine pubblico.

Firma il MANIFESTO DEGLI ARTISTI DI STRADA su Change.org oppure su questa pagina aggiungendo un commento all’articolo sul blog Buskers in Rome, o inviando una mail di sostegno a stradaliberatutti@gmail.com.
Si può anche scaricare il file PDF e stamparlo in fronte/retro sullo stesso foglio. I fogli firmati a mano vanno inviati alla mail: stradaliberatutti@gmail.com, oppure consegnati direttamente in una delle iniziative in programma (guarda gli appuntamenti sul gruppo facebook).
Abbiamo bisogno del sostegno di artisti e cittadini che vogliano ridare una giusta dimensione di dignità all’arte di strada, per rendere sempre più bella e viva Roma.

MANIFESTO-CULTURALE-DEGLI-ARTISTI-DI-STRADA-DI-ROMA

MANIFESTO CULTURALE DEGLI ARTISTI DI STRADA DI ROMA

L’arte di strada renderà Roma più bella se…

Verrà regolamentata in modo adeguato ed equo, in modo che possa essere sempre una risorsa d’arte, socializzazione e valorizzazione della città, e mai un disturbo o una forma di degrado.
Nello specifico chiediamo una nuova regolamentazione dell’arte di strada a Roma che garantisca questi principi base:

essa sia riconosciuta nell’ambito del diritto inalienabile alla libertà d’espressione sancito dalla Costituzione;
ne venga valorizzata la tradizionale natura itinerante, facendo in modo che gli artisti di strada non debbano stare sempre in un solo luogo, ma si possano spostare nella città;
nei luoghi particolarmente critici, in particolare del centro storico, vengano consentite forme d’arte di strada consone ai luoghi stessi, realizzando una mappatura delle piazze e di strade “particolari”, con regolamenti specifici caso per caso, che prevedano diverse discipline, riguardo ai tempi di presenza ed alternanza degli artisti e fascia di sonorità;
l’arte di strada sia “donata” gratuitamente dagli artisti alla gente che si trova negli spazi pubblici, e come unica forma di retribuzione consentita dovrà essere il “cappello”, in quanto libera donazione della gente agli artisti;
si riesca a valorizzare la qualità della prestazione artistica;
si stabiliscano e si assegnino diritti e doveri degli artisti in applicazione del codice etico e del regolamento dell’arte di strada, dove siano contemplate anche delle sanzioni proporzionate, in caso di ripetute violazioni da parte di artisti che non rispettino il regolamento stesso;
venga istituito dal Comune di Roma Capitale un ufficio di assistenza e controllo costante dell’arte di strada, che si occupi di collaborare costantemente con le forze dell’ordine, con residenti, commercianti, artigiani, agenzie turistiche, con gli stessi artisti di strada e con quant’altri, al fine di rendere meglio fruibili le attività degli artisti stessi.

“La strada va conquistata con l’arte, non presa e basta” (Dario Fo)

PROSSIMI APPUNTAMENTI IN PROGRAMMA, DOVE SARÀ ANCHE POSSIBILE FIRMARE IL MANIFESTO DEGLI ARTISTI DI STRADA

Flashmob per la libera espressione a piazza Pasquino
Piazza di Pasquino, Venerdì 20 Dicembre alle h. 16.00


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi