La nostra proposta di regolamento per l’arte di strada a Roma

Pubblicato da Italo il

Guarda l’ultima versione qui: https://www.buskersinrome.com/2024/05/07/la-nostra-proposta-di-regolamento-delle-arti-di-strada-a-roma/

PROPOSTA REGOLAMENTO ARTE DI STRADA ROMA

La proposta che leggerete è stata scritta dall’Assemblea Arte di Strada Roma dopo un’attenta fase di studio e discussione.

E’ sostenuta dall’adesione ed il sostegno di tante realtà culturali cittadine e nazionali:

FNAS Federazione Nazionale Arti in Strada, La Strada Libera Tutti, Scuola Romana di circo, Buskers in Rome, Teatro Ygramul, Associazione Culturale Il NaufragarMèDolce, Ass. Cult. Materiaviva, Associazione Culturale Controchiave, Autorganizzati Spettacolo Roma, Ass. Cult. Rampa Prenestina, Ass. Cult Binario 84, SCUP, Ass.Cult. La Scala a Chiocciola,  Ass. Cult. ANZI,  Associazione Ponentino Trio, Associazione Unicorno, Arci Pianeta Sonoro, Ass.Cult. Ile Flottante, La Scuola di Pace associazione di volontariato, Officina B5 scuola di illustrazione, Progetto Roma Bambina, CSOA Il Cantiere, Fivizzano 27, Circolo ricreativo 30 Formiche, Spazio Libero Teatro, Teatro Mè Puglia, Clap – Camere del Lavoro Autonomo e Precario, Ostudio, AleaCam, Cie Can Bagnato, Compagnia DOM, Compagnia Cirque de Tu Sorèl, Creme Brulé Show, Kolektivo KonikaSir_Sharing in Roma,  Gruppo Musicale Nuove Tribù ZuluGruppo musicale Angel&Demian, Compagnia Artenova, Fanfaroma, Murga Sincontrullo, Murga Los Adoquines de Spartaco, La Malamurga, Frente Murguero Romano, Caracca tamburi itineranti.

E’ altresì sostenuta da tanti cittadini e cittadine che, firmando la petizione, online dal 7 marzo https://chng.it/6yjpqZ5k , auspicano, insieme a noi, un cambiamento culturale positivo per tutta la città.

Uno dei primi firmatari della petizione è stato Moni Ovadia commentando così:

L’arte di strada ha una tradizione millenaria. Impedirne l’esercizio è un modo per impoverire E mortificare i tessuti sociali. L’arte di strada è vita, è pulsazione del cuore dei tessuti urbani.”

A Roma dal 2012 vige un Regolamento per l’Arte di Strada tra i più privi di senso ed efficacia che siano mai stati scritti. Traspare tra le righe una profonda ignoranza e uno spiccato pregiudizio su cosa siano le Libere Espressioni Artistiche.

Quella che andrete a leggere qui sotto è una proposta elaborata dall’Assemblea Arte di Strada Roma. Abbiamo cercato di unire esperienze e competenze di nuove generazioni con quelle dei vari comitati succedutisi nel corso del tempo (Coo.R.A.S., Strada Libera Tutti, Comitato degli Artisti di Strada Romani) raccogliendo il lavoro fatto e sperimentato nel corso di tanti anni di immaginazione e opera collettiva.

Lo sforzo grande su questa nuova proposta è stato cercare di proporre qualcosa di semplice e nello stesso tempo evidenziare gli elementi senza i quali un regolamento avrebbe scarsa efficacia.

Il regolamento deve essere chiaro, non interpretabile e quindi il più semplice possibile.

Deve essere veicolato e spiegato agli artisti prima di tutto e poi anche alla polizia locale e alla cittadinanza.

Auspichiamo che l’Assessorato alla Cultura dia ascolto alla voce della nostra esperienza

(Il coinvolgimento degli artisti e delle artiste, oltre ad essere buon senso, è previsto dalla Legge della Regione Lazio del 23 novembre 2022, n. 19, “DISPOSIZIONI COLLEGATE ALLA LEGGE DI STABILITÀ REGIONALE 2022. DISPOSIZIONI VARIE”)

Uno degli aspetti della faccenda che dovrebbe comprendere l’Assessorato è che per far si che venga scritto e applicato un regolamento efficace si dovrebbero INVESTIRE TEMPO, CURA, RISORSE E COMPETENZE.

AZIONI MINIME DA METTERE IN CAMPO da parte dell’Assessorato:

  • Creare una pagina internet collegata al proprio sito dedicata all’Arte di Strada in cui il regolamento ed eventuali altri contenuti sul tema siano facilmente reperibile per tutti/e;
  • Spiegare alla polizia locale, soprattutto del Comando di via della Greca, il regolamento e il comportamento da adottare nell’interazione con gli e le artiste di strada. Basta ignoranza e abusi di potere!
  • Agevolare il dialogo con gli e le artiste indicando il riferimento di un ufficio al proprio interno che si occupi di questo tema;
  • Finanziare la realizzazione di materiale cartaceo e video che aiuti a veicolare non solo il regolamento, ma anche un modus operandi pacifico e collaborativo di e tra tutte le parti in causa (un’ idea di facile realizzazione potrebbe essere per esempio quella di finanziare un video in cui gli artisti e le artiste di Roma spiegano agli interessati come funziona il regolamento in un linguaggio informale e diretto, un comico, ma anche serio “Famose a capì!”)
  • Partecipare al bando del Servizio Civile e formare delle figure giovani di mediatori/mediatrici che potrebbero aiutare molto la gestione delle Arti di Strada nel Centro Storico, alleggerendo molto il lavoro della polizia locale, come avviene in alcuni paesi nord-europei.

Altri due aspetti importanti da specificare sono:

  • il bisogno di regolamentare l’Arte di Strada è vissuto particolarmente nel Centro Storico. I problemi del Centro sono gravi e pesanti anche per noi che, a volte, veniamo trasformati in veri e propri capri espiatori;
  • il clima un po’ da Far West del Centro Storico, agevolato e sostenuto dal regolamento in vigore, ha alimentato prepotenze anche fra artisti e artiste. Speriamo quindi che un regolamento migliore possa contribuire a far tornare un clima sociale più sereno all’interno della nostra comunità.

Detto ciò, ecco la nostra proposta discussa e ridiscussa in ambito di tante assemblee.
Abbiamo speso tante ore di ragionamento, lavoro e studio.
Vi chiediamo per favore di leggerla attentamente.

Buona lettura! : 0)

Proposta Regolamento delle Arti di Strada di Roma

Nel rispetto dei principi degli Articoli 9 e 33 della Costituzione Italiana:

Art.9

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. (…)”

Art.33

L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento. (…)”

Visto l’Art.12 quater delle “Disposizioni collegate alla Legge di Stabilità Regionale 2022 del 23 novembre 2022”, n. 19

collegato alla Legge Regionale 29 dicembre 2014, n.15:

(Promozione delle libere espressioni artistiche di strada)

1. La Regione promuove l’ospitalità sul proprio territorio delle espressioni artistiche di strada di carattere musicale, teatrale, figurativo ed espressivo nel senso più ampio e libero, esibite su suolo pubblico.

2. Le attività di libera espressione artistica di strada vengono svolte dagli artisti e dalle artiste, limitatamente al luogo e alla durata dell’esibizione, nel rispetto della normativa vigente in materia, con particolare riferimento:

a) alle norme relative all’inquinamento acustico e ambientale;
b) alle norme sulla circolazione stradale e pedonale;
c) alle norme sull’esercizio del commercio ambulante;
d) al rispetto dell’accesso agli esercizi commerciali limitrofi e alle proprietà private;
e) al mantenimento della pulizia e alla conservazione dello stato dei luoghi;
f) al mantenimento della distanza di sicurezza dai monumenti e dai luoghi di culto.

3. I comuni, entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, approvano o adeguano, qualora già in vigore, favorendo forme di partecipazione e consultazione con le rappresentanze delle artiste e degli artisti di strada, un regolamento per lo svolgimento delle libere espressioni artistiche di strada, garantendo l’utilizzo delle attrezzature mobili e degli strumenti necessari per lo svolgimento delle attività.

4. Per il raggiungimento delle finalità di cui al presente articolo, la Regione concede contributi ad amministrazioni pubbliche e ai soggetti giuridici privati operanti nel settore della cultura e dello spettacolo dal vivo finalizzati a sostenere iniziative e attività di formazione, realizzazione di sportelli informativi, valorizzazione, promozione di manifestazioni, sostegno alla creazione, rassegne e festival che promuovono la diffusione delle libere espressioni artistiche di strada, l’incontro e lo scambio tra artiste e artisti.

Sommario:

Art.1 (Principi e finalità)

Art. 2 (Definizioni)

Art. 3 (Gratuità delle prestazioni)

Art. 4 (Occupazione di suolo pubblico)

Art. 5 (Luoghi e modalità di svolgimento dell’attività degli/delle artisti/e di strada)

Art.6 (Fasce orarie)

Art. 7 (Prescrizioni per lo svolgimento delle attività degli artisti di strada)

Art. 8 (Competenze e sedi)

Art.9 (Sanzioni)

Allegato A (Postazioni Centro)

Allegato B (Carta delle Arti di Strada) .

Allegato C (Aree interdette e aree consigliate dai Municipi)

Art.1 (Principi e finalità)

Il presente regolamento è finalizzato ad individuare le modalità di svolgimento delle attività degli/delle artisti/e di strada al fine di assicurare che le stesse siano compatibili con le vigenti norme in materia di igiene, sicurezza stradale e dispositivi di circolazione, inquinamento acustico e ambientale.

Art. 2 (Definizioni)

Ai fini e per gli effetti del presente Regolamento, per “artiste e artisti di strada” si intendono coloro che, singolarmente o in gruppo, svolgono, gratuitamente o ricevendo una libera offerta, in spazi pubblici o aperti al pubblico, attività artistiche di tipo musicale, teatrale ed espressivo nel senso più ampio, caratterizzate dalla estemporaneità e “fruizione immediata”.
A fini esemplificativi e non tassativi, sono considerate artiste e artisti di strada: giocolieri, mimi, maghi, danzatrici, attori, clown, burattinai, marionettiste, il teatro delle ombre e di figura, saltimbanchi, madonnari, stornellatori, cartomanti, cantanti, suonatrici, scultori di palloncini, body artist, breakdancer, trampolieri, statue viventi, fachiri, scultori di sabbia, mangiafuoco, poeti, zampognari, raccontastorie.

Art. 3 (Gratuità delle prestazioni)

Le attività degli artisti e delle artiste di strada sono svolte in modo libero, estemporaneo e itinerante, senza pretendere un corrispettivo predeterminato per la prestazione.

L’artista di strada può accogliere, mediante passaggio “a cappello”, le libere offerte degli spettatori, durante o alla fine dell’esibizione.

L’esibizione artistica può essere correlata a messaggi auto-promozionali relativi all’artista e all’esibizione in atto; non dovrà mai veicolare messaggi di promozione pubblicitaria commerciale per conto terzi.

Art. 4 (Occupazione di suolo pubblico)

L’esercizio dell’attività artistica di strada non è soggetta alle disposizioni in materia di occupazione di aree e spazi pubblici e di pubblico spettacolo, in quanto esibizioni che avvengono in luoghi all’aperto privi di strutture destinate allo stazionamento e/o al contenimento del pubblico (D.M.19/08/96 Art.1 comma 1).

Art. 5 (Luoghi e modalità di svolgimento dell’attività degli e delle artisti/e di strada)

Le attività degli artisti e artiste di strada sono consentite sull’intero territorio cittadino, con inclusione delle isole pedonali, dei sottopassi e dei parchi pubblici; con le esclusioni e le limitazioni riportate nell’Allegato C.

Non è consentito il posizionamento di attività che prevedano emissioni sonore in corrispondenza di finestre di abitazioni poste a mezzanino.

Le esibizioni devono avvenire senza disturbare la necessaria quiete di plessi ospedalieri, case di cura, biblioteche, scuole e luoghi di culto.

Le attività degli e delle artiste di strada devono avvenire nel pieno rispetto delle disposizioni del Codice della Strada e delle norme vigenti in materia di igiene, viabilità, sicurezza stradale, circolazione veicolare e pedonale, badando che non vengano impediti gli accessi ad esercizi commerciali e ad abitazioni, e che non risultino ostacolate attività commerciali o servizi.

Al fine di garantire la normale circolazione pedonale, le esibizioni che avvengono su marciapiede devono riservare, oltre allo spazio occupato dall’artista, un passaggio libero che garantisca la circolazione dei pedoni e delle persone in sedia a rotelle.

Le aree ove non è consentito l’esercizio dell’arte di strada e le aree consigliate sono riportate in apposito elenco (Allegato C).

Art.6 (Fasce orarie)

L’esercizio delle arti di strada sul territorio comunale è consentito nei seguenti
orari:
dal 1 novembre al 31 marzo: dalle ore 10:00 alle 14, dalle ore 15:00 alle ore 21:00
dal 1 aprile al 31 maggio: dalle ore 10:00 alle 14:00, dalle ore 15:00 alle ore 23:00
dal 1 giugno al 31 ottobre: dalle ore 10:00 alle ore 14:00, dalle 16 alle ore 24:00
Sono escluse dal rispetto di tali orari le forme di Arte di Strada che non prevedono alcun tipo di emissioni sonore e gli/le artisti/e che si esibiscono davanti alle terrazze dei ristoranti(per esempio gli stornellatori) che per loro natura agiscono prevalentemente negli orari dei pasti.

All’interno di Ville, Parchi Pubblici, Stazioni Ferroviarie, Stazioni Pullman, Gallerie e Sottopassaggi pedonali l’attività è consentita con orario legato alla apertura e chiusura degli spazi.

Durante le festività tradizionali gli orari per le esibizioni si conformano agli orari delle manifestazioni nei luoghi preposti.

Art. 7 (Prescrizioni per lo svolgimento delle attività degli artisti e delle artiste di
strada)

Le emissioni sonore delle esibizioni, in relazione al rumore di fondo, in ordine alle caratteristiche dello spazio circostante, dovranno rispettare i limiti delle norme vigenti in materia di inquinamento acustico e ambientale.

Agli/alle artisti/e che maneggiano l’elemento fuoco, è richiesto di dotarsi di coperta ignifuga ed estintore a schiuma.

Relativamente alle tecniche di disegno esercitate dai “madonnari”, è vietato l’utilizzo di prodotti indelebili e prodotti che potrebbero rovinare i selciati.

Al termine dell’esibizione, ciascun artista dovrà verificare che la pavimentazione sia pulita e non sia stata resa scivolosa. Se così non dovesse essere, deve provvedere subito a far tornare la pavimentazione pulita e sicura.

L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali danni a persone o a cose derivanti da comportamenti dell’artista di strada in cui si configuri imprudenza, imperizia o inosservanza di leggi e regolamenti.

L’artista di strada è responsabile di eventuali danni al manto stradale o a qualsiasi altra infrastruttura pubblica o privata che possano essere causati dalla sua esibizione.

Turnazione:
Gli artisti e le artiste di strada devono essere sempre disponibili alla necessaria turnazione fra loro.
Se ci sono più artisti/e a volersi esibire nello stesso luogo, le singole esibizioni, escludendo il tempo di montaggio e smontaggio, possono durare al massimo:
– 90 minuti per le esibizioni a passaggio;
– 50 minuti per le esibizioni a cerchio;
Fanno eccezione i madonnari che possono impiegare anche molte ore a completare la propria opera, per “le terrazze” si rimanda all’Allegato B.
L’artista può cambiare luogo di esibizione, ossia spostarsi a circa 30 m lineari da dove ha effettuato l’ultima esibizione.

Posizionamento:
Gli artisti e le artiste di strada sono tenuti sempre a posizionarsi in un luogo tale da non interferire con il pubblico e con l’attività di un altro/a artista.
Qualora l’esibizione preveda emissioni sonore, la distanza minima da osservare tra
artisti è pari alla distanza necessaria per non disturbare l’ascolto da parte del pubblico dell’altrui esibizione.
Per gli approfondimenti del comma 7 (Turnazione) e 8 (Posizionamento) dell’Art.7 si rimanda all’ Allegato B (Carta delle Arti di Strada).

Art.8 (Competenze e sedi)

Il presente regolamento e i suoi allegati sono visionabili telematicamente su (link
internet che sarà indicato)

Il depliant “Arte di Strada a Roma”* è reperibile in forma cartacea in tutta la rete degli infopoint turistici, nel circuito museale di Roma Capitale e nel circuito delle Biblioteche Pubbliche.

Art.9 (Sanzioni)

Fatte salve le sanzioni previste da altre specifiche normative, le violazioni alle disposizioni recate dal presente Regolamento sono punite, ai sensi dell’articolo 7bis del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (TUEL), con l’irrogazione di una sanzione amministrativa di importo compreso fra € 25,00 e € 500,00, che sarà graduata, secondo la disciplina di legge, con riguardo alla gravità della violazione, all’opera svolta dall’agente per la eliminazione o attenuazione delle conseguenze della violazione, nonché alla personalità dello stesso e alle sue condizioni economiche.**
*Il depliant “Arte di Strada a Roma” è un cartaceo in cui Roma dice che accoglie le Arti di Strada; fa visualizzare su una cartina, anche a chi non è di Roma(artisti/e e visitatori), dove sono collocate le postazioni nelle piazze del Centro, riporta il link attraverso il quale si può visualizzare tutto il regolamento compreso di allegati ed il qrcode per visualizzare il contributo video fatto dagli artisti “Famose a capì!”.

**Al tempo dell’attuazione del Regolamento ora in vigore (Delibera Roma Capitale 12/04/2012 n°24) fu indicato dalla Polizia Municipale, attraverso emendamento, la sanzione fissa di 50 euro.

ALLEGATO A POSTAZIONI CENTRO

Premesso che, nell’ottemperanza di questo regolamento, l’arte di strada è libera in tutto il territorio comunale, al fine di agevolare e valorizzare l’attività delle Arti di Strada “a cerchio” e la civile convivenza nella zona del Centro, si individuano delle postazioni per spettacoli “a cerchio” e si danno delle indicazioni rispetto alle caratteristiche specifiche di ognuna.
Queste postazioni sono evidenziate perché per loro natura, insieme ai parchi, consentono di poter comporre dei cerchi o semicerchi di pubblico; l’ampiezza massima di tali cerchi è indicata dalla misura del raggio.
Le altre forme di spettacolo( specificate nell’ Allegato B “Carta delle Arti di Strada”) possono esprimersi al di fuori di tali postazioni, nel rispetto di tutti gli articoli di questo regolamento.

Piazza Navona:
postazioni n°: 3
raggio: 5 m

VEDI CARTINA

Piazza del Popolo:
postazioni n°: 6
raggio: 5 m
turnazione: solo 2 postazioni opposte con emissione sonora

VEDI CARTINA

Belvedere del Pincio:
postazioni n°: 3
raggio: 5m
turnazione: solo 1 postazione con emissione sonora

VEDI CARTINA

Piazza della Rotonda ossia Piazza del Pantheon:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m

VEDI CARTINA

Piazza Campo de’ Fiori:
postazioni n°: 2
raggio: 3 m
Nota: tutti i giorni solo nel pomeriggio. Il mercato chiude alle 14, poi bisogna aspettare i tempi di pulizia.

VEDI CARTINA

Piazza di Spagna:
postazioni n°: 1
raggio: 4 m

VEDI CARTINA

Castel Sant’Angelo:
postazioni n°: 2
raggio: 2 m e 5 m

VEDI CARTINA

Gianicolo: (Piazza Giuseppe Garibaldi)
postazioni n°: 2
raggio: 2 m e 5 m
turnazione: solo 1 postazioni opposte con emissione sonora

VEDI CARTINA

Piazza della Maddalena:
postazioni n°: 1
raggio: 2 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti. (vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Piazza di Pietra:
postazioni n° : 1
raggio 2,5 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti. (vedi allegato B)

VEDI CARTINA
Piazza San Silvestro:
postazioni n°: 1
raggio 2 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti. (vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Piazza San Lorenzo in Lucina:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti.(vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Largo San Carlo al Corso:
postazioni n°: 1
raggio: 3 m

VEDI CARTINA

Piazza San Marcello:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti.(vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Largo Goldoni:
postazioni n°: 1
raggio: 3 m

VEDI CARTINA

Piazza Mignanelli:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti.(vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Piazza San Salvatore in Lauro:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti.

VEDI CARTINA

Piazza di Sant’Apollinare:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m

VEDI CARTINA

Piazza Farnese:
postazioni n°: 1
raggio: 3 m

VEDI CARTINA

Piazza Fontanella Borghese:
postazioni n°: 1
raggio: 5 mt
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti. (vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Piazza della Minerva:
postazioni n°: 1
raggio: 3 / 4 mt

VEDI CARTINA

Largo dei Calcarari:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m

VEDI CARTINA

Piazza Augusto Imperatore: (Ara Pacis)
postazioni n°: 1
raggio: 2 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti. (vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Fori Imperiali: (slargo opposto a via di San Pietro in Carcere)
postazioni n°: 1
raggio: 4

VEDI CARTINA

Piazza Madonna dei Monti:
postazioni n°: 1
raggio: 2 m
nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti. (vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Piazza di Santa Maria in Trastevere:
postazioni n°: 1
raggio: 3 m

VEDI CARTINA

Piazza Sant’Egidio a Trastevere:
postazioni n°: 1
raggio: 2 m
Nota: Piazza molto raccolta. Solo esibizioni che non prevedono suoni forti. (vedi allegato B)

VEDI CARTINA

Piazza di San Cosimato:
postazioni n°: 1
raggio: 5 m
Nota: dal lunedì al sabato solo nel pomeriggio. Il mercato chiude alle 14, poi bisogna aspettare i tempi di pulizia. La domenica non c’è mercato.

VEDI CARTINA

Piazza Trilussa:
postazioni n°1
raggio: 3 m


VEDI CARTINA

Piazza Pasquino:
postazioni n°: 1
raggio: 2,5 m

VEDI CARTINA



ALLEGATO B CARTA DELLE ARTI DI STRADA

(La Carta delle Arti di Strada serve per specificare meglio definizioni, modalità e buone pratiche in un linguaggio diretto e informale. Si rivolge agli e alle artisti/e, alla cittadinanza e alle forze dell’ordine. Il fine è quello di agevolare lo svolgimento delle Arti di Strada all’interno di regole condivise di buon senso e di rispetto della convivenza civile.)

Definizioni:
Al fine di non generare nessun tipo di equivoco si specifica che:
per Arte di Strada si intende qualsiasi forma d’arte che utilizzi spazi pubblici o aperti al pubblico e che sia caratterizzata da indipendenza, estemporaneità, assenza di ogni forma di contrattualizzazione e/o retribuzione e che accetti come unica eventuale forma di contributo quella spontanea del pubblico. L’Arte di Strada è diversa dallo Spettacolo di Strada per cui si intendono tutte le forme performative organizzate che si svolgono nel contesto degli spazi aperti pubblici in cui sussista, tra artista ed ente organizzatore, un accordo definito che obblighi entrambe le parti a precisi adempimenti contrattuali.

Principali modalità di spettacolo:

– Spettacoli a Cerchio: sono spettacoli che di solito prevedono un inizio ed una fine e che vengono rappresentati davanti ad un cerchio o ad un semicerchio di pubblico; di solito la loro durata varia dai 10 ai 30 minuti. Possono far parte di questa categoria clown e giocolieri per esempio.
– Spettacoli a Passaggio: il pubblico tende a fermarsi a guardare e ascoltare per alcuni minuti e poi prosegue la sua camminata. È il caso per esempio di tanti musicisti, statue viventi e madonnari.
– Artisti/e Itineranti: gli artisti camminano, fanno brevi soste e poi ripartono, l’esibizione avviene quindi anche in movimento. Possono far parte di questa categoria per esempio le bande di strada e gli zampognari.
– “Terrazze”: per “terrazze” si intendono le zone dei tavolini davanti ai ristoranti/locali che affacciano sulle piazze; qui si esibiscono per esempio gli stornellatori.

Rivolto soprattutto agli e alle artist:
Turnazione -Le Arti di Strada sono praticate da artisti/e dilettanti e professionisti, romani e non, giovani e meno giovani; tutti e tutte hanno pari opportunità e dignità per la strada. Non esistono i “proprietari” delle postazioni o i “gestori” delle piazze.
– Quando arrivi in un luogo dove vorresti esibirti guarda subito se ci sono altri artisti presenti e parla con loro.
– Se ci sono più artisti a volersi esibire nella stessa postazione ci si mette d’accordo valutando l’ordine d’arrivo, la tipologia di esibizione e le caratteristiche del luogo. Il dialogo cordiale e la collaborazione è fondamentale nella comunità di Arte di Strada.
– Per chi fa “le terrazze”: il pubblico seduto ai tavolini non ha scelto di vedere la vostra esibizione, ricordate quindi di non essere mai invadenti, di far durare la vostra esibizione al massimo 30 minuti e di lasciare sempre una pausa di almeno mezz’ora tra un’esibizione e l’altra. Posizionamento
-Fai sempre attenzione che ovunque decidi di esibirti le persone abbiano lo spazio necessario per passare. Ci deve essere sempre spazio per passare oltre a quello occupato da te, dai tuoi strumenti e dal pubblico che si è fermato ad ascoltarti o guardarti, anche nei momenti di punta.
– Se, dopo che hai iniziato, ti accorgi che il tuo pubblico sta bloccando un ingresso o la visione di un monumento o ostacolando qualsiasi altra legittima attività urbana, per favore fermati il prima possibile e fai in modo di liberare il passaggio.
– Non posizionarti mai dove potresti disturbare in qualsiasi modo lo svolgimento dell’altrui esibizione.
– Roma è una città d’arte e per questo non ti posizionare mai troppo vicino ai monumenti(statue, fontane, chiese, ecc.) che i visitatori hanno diritto di ammirare. Rispetta la distanza minima di 4 m.
– Assicurati che nessuno possa inciampare sulla tua attrezzatura; non lasciarla mai incustodita soprattutto se la tua esibizione comporta l’utilizzo di qualcosa di rischioso (per esempio fuoco).

Suono: La causa principale del malcontento sulle Arti di Strada è il suono. Il suono può diffondersi molto. Molti luoghi di esibizione degli artisti di strada sono circondati da appartamenti, negozi, uffici e hotel. Poiché le persone all’interno delle strutture non possono andarsene, assicurati sempre che il tuo volume non disturbi.
– Di norma, mantieni il volume appena al di sopra del livello del rumore di fondo della strada e controlla che non sia distorto. Un suono distorto può dare molto fastidio e rovinare la tua esibizione.
– Non ripetere sempre la stessa musica nel medesimo luogo. I concerti con contenuto vario sono molto più apprezzati. Se hai poco repertorio scegli di spostarti più frequentemente. -Alcuni suoni hanno un grande impatto sulle persone. Se il tuo spettacolo prevede per esempio bassi potenti, suoni percussivi, strumenti a fiato fai molta attenzione al volume e limita il tempo della tua esibizione.
Ricorda che nell’Allegato A(Postazioni Centro), sono indicate delle postazioni dove il genere di spettacolo descritto qui sopra non si può fare, sono piazze piccole e raccolte dove il tuo impatto sonoro sarebbe disturbante.
– Mantieni le basi musicali discrete e disattivale quando non ti esibisci.

Risoluzione dei problemi Rivolto agli/alle Artist-Cittadinanza-Forze dell’ordine

La comunicazione rispettosa tra cittadinanza, artisti e forze dell’ordine è l’aspetto più importante per risolvere tanti dei problemi relativi all’Arte di Strada a Roma. A meno che non vi sia un rischio imminente per lo stesso artista o per altre persone, sarebbe opportuno cercare di non interrompere bruscamente gli artisti durante l’esibizione, ma attendere una pausa in cui potersi parlare. Si darebbe così la cortese opportunità agli artisti di poter modificare la loro esibizione in modo da seguire correttamente il Regolamento delle Arti di Strada di Roma.
Da parte della cittadinanza l’intervento delle forze dell’ordine dovrebbe essere richiesto solo dopo aver adottato le seguenti misure:
Non aspettare di arrivare al limite di tolleranza! Se un artista o un gruppo sta causando un problema, di solito può essere risolto rapidamente e amichevolmente, semplicemente parlando. Presentarsi e spiegare i problemi che l’esibizione sta creando è la strategia più efficace. È importante chiedere all’artista se conosce il Regolamento delle Arti di Strada di Roma e, se così non fosse, invitarlo a leggerlo subito sul sito web dell’Assessorato alla Cultura.
Da parte delle forze dell’ordine ci si aspetta una conoscenza puntuale del Regolamento per non incorrere nelle arbitrarie interpretazioni dell’ “ultimo minuto”.

Ultimi consigli agli e alle artisti/e

Ricorda che se adotti comportamenti non rispettosi verso la città, i suoi abitanti e visitatori, e verso altri artisti, stai danneggiando tutta la comunità di Artisti e Artiste di Strada di Roma, quindi anche te stesso/a.
Quando vai ad esibirti, porta sempre con te una copia cartacea del Regolamento delle Arti di Strada di Roma. Potrebbe essere utile a te o a qualcun altro/a!
Buona Strada!

ALLEGATO C AREE INTERDETTE E AREE CONSIGLIATE DAI MUNICIPI

(Prima della votazione del regolamento la commissione, come è stato nel 2000, chiederà ai Municipi, la lista delle aree eventualmente interdette e delle aree consigliate, chiedendo di motivare le loro indicazioni per valutarne l’ effettiva rispondenza.
Le aree CONSIGLIATE per l’Arte di Strada, sono aree dove ci sono degli elementi che potrebbero valorizzare l’incontro tra Arte di Strada e cittadinanza.
Questi elementi sono: spazio pubblico pedonale già frequentato dalla cittadinanza; eventuali elementi architettonici che potrebbero valorizzare la resa scenica e la comodità del pubblico come per esempio anfiteatri naturali o di pietra/cemento, panchine, scalinate, aree verdi…
In assenza di segnalazioni di aree interdette da parte dei Municipi, l’Arte di Strada è da ritenersi libera in tutto il territorio municipale nel rispetto di questo Regolamento.)

Proposta-Regolamento-Arte-di-Strada-Roma

Scarica il file PDF della Proposta di Regolamento: https://www.buskersinrome.com/wp-content/uploads/2023/03/Proposta-Regolamento-Arte-di-Strada-Roma.pdf

POSTAZIONI-A-CERCHIO

Scarica il file PDF della Mappa Postazioni a Cerchio:

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi